COME OTTENERE LA VISITA CON IL FIGLIO DOPO IL DIVORZIO

Come ottenere un appuntamento con un bambino dopo il divorzio

Un avvocato di famiglia si occupa di vari problemi che sorgono dopo un divorzio. Uno dei più dolorosi è vedere un bambino, poiché uno dei genitori inizia a vivere separatamente.

A causa di una cattiva relazione, i genitori non solo non riescono a mettersi d’accordo su un’ora e un luogo per incontrarsi, ma bloccano anche qualsiasi tentativo dell’ex partner di mettersi in contatto e parlare. Inoltre, il genitore che vive con il bambino spesso esercita pressioni psicologiche sul bambino e lo mette contro l’altro genitore.

È molto ingiusto che un padre o una madre paghino gli alimenti in modo corretto e coscienzioso, voglia partecipare all’educazione di un figlio, cerchi di raggiungere un accordo con l’altro genitore, che deliberatamente impedisce di vedere il bambino. Ogni genitore merita comprensione. Tuttavia, è importante che i genitori pensino prima di tutto al danno irreparabile che tali restrizioni nella comunicazione con il padre o la madre causano al bambino.

In Ucraina, i bambini dopo il divorzio rimangono per lo più con le loro madri, quindi si ritiene che le donne usino i bambini per vendicarsi del loro ex marito per tutti gli insulti e le speranze ingiustificate. Tuttavia, il desiderio di manipolare i sentimenti di un ex partner non dipende dal genere. Sfortunatamente, sia le donne che gli uomini ricorrono a tale crudeltà.

Il Codice della famiglia dell’Ucraina stabilisce che il genitore con cui vive il bambino non ha il diritto di impedire a uno dei genitori, che vive separatamente, di partecipare all’educazione e alla comunicazione con lei, se tale comunicazione NON pregiudica il normale sviluppo del bambino. .

Se non è possibile raggiungere un accordo amichevole, la legge offre due modi per risolvere i problemi di comunicazione e di partecipazione alla crescita di un figlio:

• nel corpo di tutela e cura

• in tribunale

Risoluzione della controversia nel corpo di tutela e tutela

Un padre o una madre possono rivolgersi all’autorità di tutela locale con una richiesta di determinare le modalità di partecipazione all’educazione del bambino. L’autorità di tutela esamina le condizioni di vita, l’atteggiamento nei confronti del minore, l’occupazione e altre caratteristiche, sulla base delle quali decide di stabilire un programma di visita.

Per favore presta attenzione! Tale domanda è presentata ai genitori che vivono separatamente dal bambino.

La decisione dell’autorità di tutela è vincolante.

Se uno dei genitori con cui vive il bambino non si attiene alla decisione, l’altro può presentare ricorso:

• tribunale per il risarcimento del danno materiale e morale

• autorità di tutela e tutela per condurre una conversazione educativa con uno dei genitori

• perseguimento da parte della polizia di una persona che non si attiene a tale decisione

• tribunale sull’eliminazione degli ostacoli nella comunicazione con il bambino

Risoluzione di una controversia sulla partecipazione all’educazione di un bambino in tribunale

È possibile rivolgersi al tribunale se il genitore con cui vive il bambino elude la decisione dell’autorità di tutela o impedisce in altro modo all’altro genitore di comunicare con il bambino e allevarlo.

Tali ostacoli devono essere confermati da prove pertinenti:

• testimonianza di testimoni

• ricorso all’autorità di tutela

• ricorso alla polizia

• corrispondenza o altra comunicazione tra genitori

Qualsiasi persona che sia stata presente durante l’intervento (compresi vicini, parenti) può testimoniare ed essere testimone. Queste persone devono essere disposte a sostenere un processo e testimoniare.

Una prova efficace è un’applicazione all’organismo di tutela e cura con una dichiarazione per tenere una conversazione esplicativa o altre misure di influenza sull’uomo che impedisce la comunicazione con il bambino. Anche se l’autorità non ha adottato i provvedimenti necessari, è necessario continuare a presentare la domanda presentando la domanda in duplice copia, di cui una deve essere contrassegnata con accettazione. Se vengono adottate misure, chiedere all’autorità di tutela i documenti giustificativi.

Per quanto riguarda la polizia, le forze dell’ordine di solito informavano il ricorrente che le azioni della madre o del padre non costituivano reato, ma registravano il fatto del ricorso.

La pratica giudiziaria moderna ha un atteggiamento ambiguo nei confronti delle prove sotto forma di comunicazione elettronica. In particolare, i giudici spesso non accettano tali prove, rilevando che è impossibile stabilire identità e confermare l’autenticità della comunicazione. Vale ancora la pena sporgere denuncia contro di loro, perché il tribunale valuta le prove nel loro insieme.

La pratica giudiziaria soddisfa i requisiti per rimuovere gli ostacoli alla comunicazione con il bambino, determinare le modalità di partecipazione all’educazione del bambino e consegnare il bambino. Non c’è nessun algoritmo o regola. Le azioni legali dipendono dalle circostanze di un caso specifico.

Il tribunale può stabilire le seguenti modalità di partecipazione di uno dei genitori all’educazione del bambino:

• visitare

• la possibilità di svago in comune

• visita al luogo di residenza di uno dei genitori e possibilità di pernottare senza l’altro genitore

• comunicazione telefonica ed elettronica con il bambino

Questo elenco non è chiuso. Le modalità di partecipazione all’educazione possono essere chiaramente regolate o determinare solo il luogo e l’ora della comunicazione con il bambino.

Nell’esaminare il caso, il tribunale tiene conto dell’atteggiamento dei genitori nei confronti dei loro doveri, dell’attaccamento personale del bambino a ciascuno di loro, dell’età e dello stato di salute del bambino. Naturalmente, in questi casi, la salute mentale di ciascun genitore, il fatto dell’abuso di alcol o droghe, è di grande importanza.

Sebbene le controversie genitoriali siano dolorose per entrambi i genitori, spesso si trasformano in una vera guerra in cui gli interessi e i desideri del bambino vengono lasciati indietro.

Ricorda, se divorzi dal tuo coniuge, non sei più sposato, ma rimani il genitore di un figlio comune.

Naturalmente, un buon avvocato ti fornirà consulenza legale, ti aiuterà a pianificare un incontro conveniente, otterrà una decisione del tribunale a tuo favore, ma un’ulteriore applicazione è affar tuo. Inoltre, prendersi cura dell’interesse superiore di tuo figlio è una tua responsabilità morale e obbligo legale.

Domande e risposte frequenti

• Quanto tempo ci vuole per considerare un caso sugli ostacoli nell’educazione di un figlio in tribunale?

Di norma, la durata di tali casi è di diversi mesi, ma a volte può durare diversi anni.

• Il tribunale ha consentito la visita del bambino alla presenza di uno psicologo. È legale?

Sì, è legale. Molto spesso il tribunale consente la visita in presenza di un’altra persona: madre/padre, altro parente, psicologo o insegnante. Ciò viene fatto al fine di tutelare gli interessi del bambino al fine di preservare il suo benessere psicologico dovuto all’età del bambino o all’assenza a lungo termine di comunicazione con il genitore che vive separatamente.

• Se, secondo la decisione dell’autorità di tutela, non do il bambino a mio marito, la polizia può arrestarmi?

No, gli arresti per tali azioni non sono punibili.

Tuttavia, il mancato rispetto della decisione dell’organo di tutela comporta l’irrogazione della sanzione da cento a centocinquanta redditi minimi esentasse dei cittadini. Reiterato entro un anno dall’irrogazione di una sanzione amministrativa di tali azioni comporta l’irrogazione di una multa da centocinquanta a trecento redditi minimi esentasse dei cittadini, una limitazione temporanea al diritto di viaggiare fuori dall’Ucraina e una restrizione il diritto alla guida di veicoli. macchina. Si applicano restrizioni alla piena attuazione della decisione.

· Posso andare in tribunale per risolvere la questione della visita dei miei nipoti?

Si, puoi. Nonna, nonno, bisnonna, bisnonno, fratelli, sorelle, patrigno, matrigna possono rivolgersi al tribunale per risolvere una controversia sulla partecipazione all’educazione dei figli.

• La pandemia ha cambiato il processo di partecipazione?

No, la normativa in materia non è cambiata.

Tuttavia, a causa delle restrizioni alla quarantena, è diventato più difficile qualificare le azioni dei genitori come ostacoli nella comunicazione con il bambino. Da un lato, questo comportamento della madre o del padre può essere spiegato dai requisiti di distanza sociale o da altre misure antiepidemiologiche e dalla preoccupazione per la sicurezza del bambino. Ma d’altra parte, il diritto a partecipare all’educazione del genitore che vive separatamente non dovrebbe essere limitato durante questo periodo e può essere attuato in conformità con i requisiti dell’OMS.

[contact-form-7 404 "Not Found"]