EREDITÀ IN ZONA ATO

Come non è un peccato affermarlo, il tema dell’eredità prima o poi diventa rilevante per tutti. L’ordine di successione, sia per legge che per testamento, è chiaramente regolato dalla normativa e non comporta particolari difficoltà di esecuzione. Ma l’aggressione della Federazione Russa nell’est del paese ha apportato modifiche al consueto ordine di eredità e ha complicato in modo significativo il meccanismo per ottenere la proprietà ereditata dall’erede. Se ti trovi di fronte al problema dell’eredità dal territorio di un’operazione antiterroristica e non sai come accettare un’eredità, come ricevere la proprietà ereditata e come elaborarla correttamente per non perdere tutto, questo articolo è per voi.

Accettazione dell’eredità DOPO l’inizio del conflitto nel Donbas e nella regione di Luhansk

io. _ Ottenere un certificato di morte

Se segui la legislazione, in conformità con la nuova legge dell’Ucraina “Sulle particolarità della politica statale per garantire la sovranità statale dell’Ucraina nei territori temporaneamente occupati nelle oblast’ di Donetsk e Luhansk” n. 2268-VIII del 18 gennaio 2018. i documenti che confermano il fatto di nascita o morte di una persona nei territori temporaneamente occupati nelle regioni di Donetsk e Luhansk sono validi e generano conseguenze legali, ovvero non richiedono un riconoscimento aggiuntivo nel territorio sotto il controllo ucraino. Ciò significa che se le autorità di occupazione del cosiddetto “DPR” o “LPR” hanno emesso un certificato di morte di una persona, dovrebbe essere automaticamente riconosciuto sul territorio dell’Ucraina.
Tuttavia, in pratica, questa regola non funziona e i RAC richiedono ancora prima di ottenere una decisione del tribunale sul riconoscimento del fatto della morte e solo sulla base di questa decisione emettono un certificato di morte in stile statale.
Pertanto, per ottenere un certificato di morte, i parenti del defunto o i loro rappresentanti devono rivolgersi al tribunale locale nel territorio dell’Ucraina presso la loro residenza legale o presso la loro residenza legale temporanea (sulla base di un certificato di registrazione di sfollato interno) con domanda di riconoscimento del fatto della morte della persona ai sensi dell’art. 317 del codice civile dell’Ucraina. Tale dichiarazione è considerata dal tribunale immediatamente nell’ordine di un procedimento separato. In questa domanda, come persona interessata, dovrebbe essere coinvolta la RATS competente e dovrebbe essere aggiunta la prova che conferma il fatto della morte della persona nel territorio non controllato. Tali documenti sono: un certificato di morte rilasciato dalle autorità di occupazione; certificato di Likrani sulla causa della morte; documenti attestanti i legami familiari con il defunto (atto di nascita, certificato di matrimonio, ecc.). Inoltre, puoi allegare certificati, assegni,
Dopo aver ricevuto una decisione del tribunale sul riconoscimento del fatto della morte, dovrebbe essere presentata al RACS competente, che rilascerà un certificato di morte in stile statale.

II . Ricorso al notaio

Per accettare l’eredità, l’erede deve presentare domanda personale di accettazione dell’eredità (o rifiuto di accettare l’eredità) a qualsiasi notaio pubblico o privato in qualsiasi insediamento sul territorio ucraino controllato. In caso di impossibilità di richiesta personale al notaio, questa domanda può essere inviata per posta, ma in questo caso la firma su di essa deve essere autenticata. Il termine per la presentazione di tale domanda è di sei mesi dal momento dell’apertura dell’eredità, ovvero la morte del testatore o il suo riconoscimento come defunto.
Se la domanda non viene presentata entro il termine stabilito, si considera decadente il diritto all’eredità. Tale termine può essere prorogato in giudizio se nessuno entro tale termine ha accettato l’eredità e se il termine è mancato per validi motivi. Ad esempio, a causa dell’impossibilità di lasciare il territorio dell’ATO nei tempi richiesti, ritardando l’esame da parte del giudice dell’istanza per stabilire il fatto della morte della persona-erede, ecc. In tal caso, dovresti rivolgerti al tribunale con una dichiarazione di reclamo per determinare un termine aggiuntivo per accettare l’eredità e provare il fatto dell’esistenza di circostanze importanti. In caso di soddisfazione della domanda da parte del tribunale, il diritto a ricevere l’eredità non verrà meno.
Dopo aver presentato una domanda di accettazione dell’eredità, il notaio apre una causa di eredità e rilascia un certificato all’erede con un elenco di documenti necessari per la registrazione dell’eredità, indicando l’importo della tassa per l’esecuzione di azioni notarili.

III . Domanda ripetuta al notaio

Dovresti presentare nuovamente domanda al notaio e ottenere un certificato del diritto all’eredità trascorsi sei mesi dall’apertura dell’eredità o anche molto dopo – il rilascio del certificato del diritto all’eredità agli eredi non è limitato da qualsiasi limite di tempo.
Quando si accetta un’eredità da un erede per legge, è necessario presentare in anticipo al notaio i seguenti documenti:

  • Atto di morte del testatore.
  • Documenti che attestano i legami familiari (atto di nascita, certificato di matrimonio, ecc.).
  • Documenti che confermano la proprietà del testatore di veicoli, conti bancari, ecc. (certificato di titolo, contratto di vendita, ecc.). Se l’immobile fa parte dell’eredità, non sono richiesti documenti che ne confermino la proprietà del testatore, poiché il notaio riceve direttamente le informazioni dal Registro statale dei diritti di proprietà sugli immobili.
  • Passaporto e codice identificativo dell’erede.
  • Dichiarazione sulla presenza o meno dei diritti di minorenni e minorenni, incapaci o con limitata capacità giuridica di utilizzare l’immobile residenziale, appartamento, stanza o parte di esso alienato (un campione della domanda può essere richiesto a un notaio).

Per quanto riguarda l’elenco dei documenti necessari, va notato che molto spesso i notai in casi simili richiedono un certificato di composizione familiare dell’Ufficio regionale del luogo di residenza del testatore, che deve confermare la residenza anagrafica del testatore e i suoi familiari nel territorio dell’ATO. Tuttavia, la lettera del ministero della Giustizia dell’Ucraina n. 1535/13/32-16 del 03.03.2016 ha chiarito che tale certificato dell’EO non dovrebbe essere richiesto.
In caso di eredità per testamento, si segnala che alcuni notai hanno continuato per qualche tempo a certificare testamenti in territorio non controllato, pur non avendo la possibilità di iscrivere tale testamento nel Registro delle successioni, e hanno inserito le informazioni sulla forma utilizzata per il testamento in il Registro unificato delle forme speciali degli atti notarili. Come dimostra la pratica, in tal caso, gli eredi devono legalmente riconoscere come valido il testamento certificato.
Se il notaio si rifiuta di compiere un atto notarile (apertura di una pratica successoria, rilascio di un certificato del diritto all’eredità, ecc.), è tenuto a motivare il rifiuto per iscritto ed emettere una corrispondente risoluzione entro tre giorni. Al notaio è vietato rifiutare irragionevolmente di compiere un atto notarile. Il rifiuto del notaio di compiere atti notarili può essere impugnato dinanzi al tribunale.

Accettazione dell’eredità PRIMA dell’inizio del conflitto nel Donbas e nella regione di Luhansk

Se la causa di eredità è stata aperta prima dell’inizio del conflitto nel territorio non controllato, è in realtà impossibile “finalizzare” l’eredità nel territorio controllato dell’Ucraina e ottenere un certificato di proprietà dell’eredità. Dopotutto, l’erede è privato del diritto di riapplicare a un altro notaio con una domanda di accettazione dell’eredità.

io. Cerca un notaio

La prima cosa da fare è scoprire se il notaio che ha aperto la causa di eredità si è trasferito nel territorio controllato dell’Ucraina. È possibile scoprirlo attraverso il Registro unificato dei notai dell’Ucraina. Se il notaio ha lasciato, puoi continuare a elaborare i documenti con lui. Se il notaio rimanesse nel territorio incontrollato, tenendo a sua disposizione tutti gli archivi notarili, la via d’uscita da tale situazione sarebbe quella di intentare una causa in tribunale per il riconoscimento del diritto di proprietà del patrimonio ereditato per impossibilità di trascrizione l’eredità in via notarile.

II Ricorso al tribunale con domanda di riconoscimento della proprietà dei beni ereditati

Nel caso in cui il notaio che ha aperto la causa di successione si trovi in ​​un territorio non controllato, deve essere intentata una causa presso il tribunale per il riconoscimento del diritto di proprietà della proprietà ereditata. A tale affermazione deve essere aggiunta la decisione del notaio sul rifiuto di compiere un atto notarile. Ma poiché è impossibile ottenere una tale risoluzione a causa dell’assenza del notaio stesso, è necessario prima contattare il dipartimento regionale di giustizia con una richiesta per ricevere informazioni sull’ubicazione del caso di eredità. La risposta alla richiesta fornirà informazioni sul mancato accesso al caso con una raccomandazione di contattare il tribunale. La risposta ricevuta costituirà una conferma dell’impossibilità di autenticare l’eredità.
Pertanto, l’eredità nella zona dell’ATO è complicata da molti punti che dovrebbero essere conosciuti prima di rivolgersi a un notaio per ottenere il diritto all’eredità. Pertanto, in caso di problemi con l’eredità, contattare un avvocato esperto specializzato in queste questioni. Con il suo aiuto, non sarai immerso in una procedura di eredità a lungo termine e complicata in un territorio incontrollato e sicuramente non rimarrai senza la proprietà che ti appartiene.

Anastasia Belikova

assistente dell’avvocato – partner di pratica

rappresentanza giudiziaria

Bachynskyi e Partners JSC

Natalia Zhemanova

]]>

[contact-form-7 404 "Not Found"]