CAMBIAMENTI NELLA FORMAZIONE E NELL’ATTIVITÀ DEL CONSIGLIO DI SORVEGLIANZA: È DAVVERO DIVENTATO PIÙ FACILE FARE IMPRESA?

Акціонерні товариства (далі – АТ) та товариства з обмеженою відповідальністю є одними з найпопулярніших організаційно-правових форм для ведення бізнесу. Тільки станом на 01.05.2018 існувало 14 597 АТ.

Le società per azioni (di seguito JSC) e le società a responsabilità limitata sono tra le forme organizzative e giuridiche più diffuse per la conduzione degli affari. Solo al 01.05.2018 c’erano 14.597 JSC.

Lo stato è costantemente alla ricerca di modi per garantire un’adeguata protezione dei diritti degli azionisti e aumentare la trasparenza nelle attività del JSC. Per risolvere tale questione è stata adottata la Legge 16 novembre 2017 n. 2210-VIII (“…sulla semplificazione degli affari e sull’attrazione di investimenti da parte di emittenti di titoli”), che ha introdotto modifiche ai principali atti che regolano le attività di JSC, tra cui la legge dell’Ucraina “Sulle società per azioni”. Quindi, esaminiamo i punti in modo più dettagliato.

FORMAZIONE DEL CONSIGLIO DI SORVEGLIANZA

Le nuove modifiche definiscono l’obbligo di costituzione di un Organismo di Vigilanza (di seguito denominato Consiglio di Sorveglianza) in:

  • Società per azioni pubbliche (di seguito – PJSC);
  • Banche;
  • Società per azioni private (di seguito – PrJSC), il cui numero di azionisti è 10 o più;

Ma c’è un’eccezione a questa regola. La costituzione di una società per azioni non è obbligatoria se ciascuno di 10 o più azionisti è affiliato senza eccezioni.

In precedenza, la costituzione di una società per azioni era compito di ogni JSC che avesse 10 o più azionisti, indipendentemente dal tipo (privato o pubblico).

Per quanto riguarda il tempo di esercizio dei poteri della Repubblica Popolare Nazionale, sono intervenute anche delle modifiche. Tradizionalmente, i membri dell’Assemblea nazionale sono eletti durante l’assemblea generale (di seguito – l’Assemblea generale). Tuttavia, se in precedenza erano stati eletti alla prossima riunione annuale del JSC, ora è stabilito che il mandato non supera i 3 anni.

Per PrJSC, il legislatore ha stabilito un’ulteriore possibilità di definire nello statuto un altro mandato dell’AR, che non superi i 3 anni.

Sono state stabilite garanzie anche per quanto riguarda l’indipendenza della Repubblica popolare. È stato integrato il requisito di un minimo di due amministratori indipendenti nell’ambito della NR. È stato stabilito che 1/3 del Consiglio di Amministrazione dovrebbe essere composto da amministratori indipendenti. E il minor numero possibile di tali direttori dovrebbe essere pari a 2. Pertanto, stabiliamo logicamente che il minor numero di membri dell’Assemblea nazionale dovrebbe essere pari a 6 persone. Tali requisiti si applicano a PJSC così come a PrJSC di proprietà statale. Questi includono:

  • PrJSC, dove lo stato possiede più del 50% delle azioni;
  • PrJSC, il 50% o più delle cui azioni sono nel capitale autorizzato di società economiche statali.

La novità erano i requisiti per un amministratore indipendente (membro indipendente) della Repubblica popolare nazionale. Ad esempio, le persone che sono state membri dell’Assemblea nazionale per un totale di più di 12 anni, hanno fatto parte degli organi di amministrazione della società per i 5 anni precedenti, sono azionisti (titolari di una partecipazione di controllo) o i loro rappresentanti non sono soggetti ai requisiti. Ci sono anche altre restrizioni. Tale membro dell’Assemblea nazionale non dovrebbe essere sotto l’influenza di altri membri del consiglio.

Va tenuto conto che sono state introdotte anche le restrizioni alla posizione del capo della Repubblica popolare. Un membro dell’Assemblea nazionale è escluso dalla carica di presidente se l’anno scorso è stato presidente dell’organo esecutivo collegiale del JSC o se ha svolto le funzioni di tale organo da solo.

COMPETENZA DEL CONSIGLIO DI SORVEGLIANZA

Le modifiche hanno notevolmente aumentato il ruolo di NR nella gestione di JSC. Ad esempio, alla NR sono attribuite alcune materie precedentemente definite dallo statuto, ovvero:

  • presentazione di una comunicazione da parte di un azionista in modo specifico;
  • la procedura per comunicare alle persone il pagamento dei dividendi (data e termine, importo, procedura);
  • il metodo per conoscere le informazioni sullo svolgimento dell’assemblea generale del JSC e inviare l’ordine del giorno da parte dell’iniziatore della convocazione.

Ora il JSC JSC non risolve questioni che sono sotto la giurisdizione della Repubblica popolare nazionale. Tuttavia, ciò non pregiudica PrJSC, il cui statuto stabilisce che JSC JSC ha il diritto di risolvere questioni che sono di competenza di NR. Inoltre, la NR ha il diritto di sottoporre all’esame del JSC JSC qualsiasi questione che appartenga all’esame della NR.

Inoltre, vi sono casi in cui la NR dà il consenso alla commissione di un atto significativo.

COMITATI DEL CONSIGLIO DI SORVEGLIANZA

Il legislatore ha compensato la crescente importanza dell’Assemblea nazionale nella gestione delle JSC aumentando il ruolo dei suoi comitati, principalmente nelle JSC pubbliche e statali.

D’ora in poi, oltre allo statuto e ai regolamenti del JSC sulla NR, la formazione e l’attività dei comitati di NR sono disciplinati anche dai regolamenti sui comitati approvati dal NR. Sono stati inoltre previsti i poteri dei comitati, che devono essere creati.

Quanto alla composizione dei comitati, questi devono essere composti da almeno 3 membri. Tuttavia, un numero diverso può essere stabilito da documenti interni. Hanno diritto di intervenire alle riunioni anche altri soggetti, compresi i membri degli organi esecutivi e gli esperti, ma solo su invito del comitato.

Le modifiche introdotte erano una questione più specifica del processo decisionale dell’Assemblea nazionale sulla base delle proposte dei suoi comitati. In particolare, in assenza di una proposta da parte della commissione sulle questioni all’esame dell’Assemblea nazionale, quest’ultima non ha il diritto di prendere autonomamente decisioni su tali questioni. Pertanto, il legislatore, oltre a concedere poteri più ampi alla Repubblica popolare nazionale, ha stabilito per essa alcune restrizioni.

Inoltre, al fine di aumentare l’efficacia delle attività dei comitati della Repubblica popolare nazionale, per loro vengono stanziati finanziamenti. Grazie ai fondi stanziati, i comitati NR sono in grado di attrarre avvocati, economisti ed esperti finanziari per fornire consulenze professionali.

Parallelamente all’aumento delle competenze dei comitati di NR, aumentano anche gli obblighi di rendicontazione. I comitati riferiscono sul loro lavoro almeno una volta all’anno. Un’eccezione è il comitato di audit, che riferisce semestralmente.

RELAZIONE DELL’ORGANISMO DI VIGILANZA E VALUTAZIONE DELLE SUE ATTIVITÀ

Ogni anno NR PJSC, oltre che su richiesta di NR PrJSC, prepara una relazione sul lavoro svolto. Tale relazione è una componente separata della relazione annuale generale del JSC e pertanto è soggetta ai requisiti relativi all’ordine e ai termini di pubblicazione della relazione annuale generale.

La relazione dovrebbe riflettere la valutazione delle attività della NR. Tale valutazione dovrebbe includere:

  • valutazione come organo collegiale della Repubblica Popolare Nazionale (struttura, composizione e attività);
  • valutazione di ciascun componente della PS (efficienza, competenza);
  • valutazione dell’indipendenza di ciascun amministratore indipendente;
  • valutazione dei comitati NR (competenza, efficienza, composizione, numero riunioni, descrizione delle principali tematiche);
  • valutazione del raggiungimento degli obiettivi prefissati.

Inoltre, la relazione deve contenere le procedure decisionali del Consiglio di Amministrazione, nonché il rapporto tra l’attività del Consiglio e l’evoluzione della situazione finanziaria ed economica della società.

ACCETTARE IL CAMBIAMENTO È ANCORA PIÙ UN VANTAGGIO O UN MENO?

Già dal nome stesso della Legge era possibile capire quale obiettivo si intende raggiungere. Attribuendo poteri molto più ampi all’organo di sorveglianza, infatti, è stato creato un efficace sistema di controlli e contrappesi. L’influenza dell’azionista di maggioranza è stata così significativamente ridotta e, di conseguenza, è stata rafforzata la posizione degli azionisti di minoranza e sono state create le condizioni per attrarre investimenti.

[contact-form-7 404 "Not Found"]