ECO-BUSINESS SUL TETTO: ASPETTI LEGALI DELL’INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI

Бум альтернативної енергетики у всьому світі триває останні десятиліття.

Il boom delle energie alternative in tutto il mondo è andato avanti negli ultimi decenni.

Uno dei leader è la Germania, che dal 2039 vuole produrre elettricità esclusivamente da fonti alternative. La Spagna prevede di abbandonare l’energia da carbone entro il 2050, sebbene sia in una posizione più favorevole in termini di attività solare e risorse idriche.

L’Ucraina non rimane in disparte e nel 2009 ha introdotto le cosiddette “tariffe verdi”, che, tuttavia, sono diventate pienamente operative nel 2015. Sono progettate per incoraggiare sia i normali consumatori domestici che le imprese a produrre elettricità da energia solare, idrica ed eolica e vendere al suo stato a un prezzo favorevole.

Si prevede che la fonte più comune di energia alternativa saranno le centrali solari. Il primo di loro è apparso in Crimea nel 2011.

COME AVVIARE UN’ATTIVITÀ NEL SETTORE DELL’ENERGIA ELETTRICA?

Per avviare un’attività con la produzione di elettricità presso SPP industriali, è necessario impegnarsi molto e investire una notevole quantità di denaro, circa 100 mila dollari. In media, questo importo viene offerto dai produttori di pannelli solari e include il costo della loro messa in funzione.

Il processo di realizzazione di un impianto solare industriale è a lungo termine e richiede supporto legale in tutte le fasi, a partire dalla creazione di una persona giuridica, al reperimento e alla locazione di un appezzamento di terreno con finalità di “terreno energetico”, fino all’ottenimento la licenza per la produzione di energia elettrica, l’esecuzione fuori standard di allacciamento alle reti elettriche, la registrazione dell’adesione al mercato all’ingrosso dell’energia elettrica e la conclusione di un contratto di vendita con l’azienda energetica.

Per gli individui, tutto è molto più semplice. Oggi ogni individuo che consuma elettricità per le necessità domestiche può installare sul tetto della propria casa privata un impianto fotovoltaico con una capacità fino a 30 kW. e vendere l’energia prodotta in eccesso allo stato a una tariffa verde.  
Secondo l’Agenzia statale per l’efficienza energetica, ad agosto 2018 sono stati installati 4.660 SPP privati ​​con una capacità totale di oltre 90 MW. Nel 2017, questa cifra era molto inferiore: solo 3.010 SES privati.

DEVO OTTENERE L’AUTORIZZAZIONE PER INSTALLARE UN SES SUL MIO TETTO?

La procedura per il collegamento di un impianto fotovoltaico domestico alle reti elettriche non richiede la presenza di alcun documento di autorizzazione. La cosa più importante – durante l’installazione dei pannelli solari, non superare la quantità di energia consentita per il consumo, la cui quantità è indicata nel contratto sull’uso dell’energia elettrica stipulato tra il consumatore domestico e il fornitore di energia elettrica. Il limite di potenza massimo possibile di un impianto solare domestico è di 30 kW.

COME SI INSTALLANO I PANNELLI SOLARI?

Il consumatore domestico installa autonomamente il SES, dopodiché presenta domanda-notifica al fornitore di energia elettrica e una delle varianti dello schema di allacciamento unifilare. Le forme dei documenti specificati sono le appendici 1 e 2 alla risoluzione del NCRECP n. 229 del 25 febbraio 2016.

Dopo aver esaminato l’applicazione e verificato la potenza dei pannelli solari installati, REM fornisce al consumatore una fattura per il pagamento dei servizi di installazione del contatore. Dopo aver effettuato il pagamento e aver fornito il servizio, il fornitore di energia elettrica e il consumatore firmano un atto sulla conservazione dei sigilli e l’installazione di indicatori, quindi – un contratto per l’acquisto e la vendita di energia elettrica alla tariffa verde.

Le aliquote della tariffa verde senza IVA sono pari a:

  •    dal 01.01.2017 al 31.12.2019 – 573,36 copechi/kWh;
  •    dal 01.01.2020 al 31.12.2024 – 515,34 copechi/kWh;
  •    dal 01.01.2025 al 31.12.2029 – 459,03 copechi/kWh.

Da sottolineare che REM ha 3 giorni di tempo per valutare la domanda, da 3 a 5 giorni per installare il contatore, e gli ulteriori calcoli per l’energia elettrica acquistata in tariffa verde vengono effettuati entro e non oltre il 15 del mese successivo al calcolo.

CI SONO MOTIVI DI RIFIUTO?

I pannelli solari possono essere installati non solo dai proprietari di case private, ma anche di appartamenti, dopo aver stipulato un contratto di locazione per l’area del tetto e in assenza di obiezioni da parte di altri residenti. Ci sono casi in cui REM ha rifiutato di collegare i pannelli solari alle reti elettriche sulla base del fatto che la casa di nuova costruzione non è stata ancora messa in funzione, ma un tale rifiuto non è legittimo, poiché la normativa stabilisce un solo requisito obbligatorio: l’edificio residenziale deve trovarsi in una proprietà privata

HAI BISOGNO DELL’AIUTO DI UN AVVOCATO?

Il numero di ucraini che utilizzano le possibilità dell’energia alternativa aumenta ogni anno. I pannelli solari sul proprio tetto consentono non solo di risparmiare sull’elettricità, ma anche di trarre profitto dalla sua vendita. Tuttavia, si dovrebbe prestare attenzione al fatto che le tariffe della tariffa verde stanno gradualmente diminuendo, quindi non vale la pena contare su guadagni rapidi a scapito del SES installato. In media, i pannelli solari si ripagano da soli in 6-8 anni. Inoltre, durante l’installazione dei pannelli solari, nonostante la procedura apparentemente semplificata, possono sorgere molte sfumature, tra cui:

  •    documenti eseguiti in modo errato;
  •    mancata connessione del REM alla rete elettrica;
  •    inosservanza dei termini e dei termini di adesione stabiliti dal REM;
  •    conclusione di un contratto di locazione;
  •    malfunzionamenti delle reti elettriche esistenti, che portano a guasti nel funzionamento del SES;
  •    mancato o ritardato pagamento della REM per l’energia elettrica acquistata.

 

[contact-form-7 404 "Not Found"]