LA NUOVA LEGGE SUGLI ASSET VIRTUALI: IL QUADRO È COMPLETO, MA SENZA DETTAGLI

L’8 settembre 2021, la Verkhovna Rada ha finalmente adottato la tanto attesa legge “On Virtual Assets”, che ha chiarito molti punti ambigui. Ciò vale in particolare per lo stato della criptovaluta e le regole della sua circolazione sul territorio del paese. Diamo un’occhiata più da vicino all’innovazione.

TERMINE AMBIGUO

Partiamo da ciò che il legislatore intende per “patrimonio virtuale” in generale. I segni sono i seguenti:

  • sono un bene immateriale (non possono essere presentati su supporti materiali)
  • rientrano nell’elenco degli oggetti dei diritti civili (cioè possono essere posseduti e ceduti)
  • rappresentano una forma elettronica di una raccolta di dati (essenzialmente sono blocchi di informazioni ordinate);
  • l’esistenza e il trasferimento dei beni è determinato da strumenti software (uno specifico ambiente elettronico).

Da questi segnali possiamo trarre la seguente conclusione: gli asset virtuali NON si limitano alla criptovaluta. La valuta digitale sembra far parte del concetto, ma altri strumenti come token, NFT o persino oggetti di gioco rientrano nella definizione. In effetti, l’effettiva esistenza della maggior parte dei prodotti digitali che hanno un certo valore è dovuta all’ambiente software (ecosistema), che si tratti di tecnologia blockchain, piattaforme di trading o un server di gioco online.

Vale la pena notare che il tentativo di definire le risorse virtuali era già nella legge adottata dell’Ucraina contro la legalizzazione del reddito. In questo atto si intendono i mezzi di pagamento digitali, il che è contrario alla nuova definizione.

Di conseguenza, ora ci sono due diverse definizioni di asset virtuali, creando una notevole confusione non solo nella regolamentazione, ma anche nell’interpretazione. È assolutamente necessario attendersi chiarimenti dalle autorità statali competenti.

TORNIAMO ALLA NUOVA LEGGE

La sua forza si estende ai rapporti giuridici in cui è presente un “elemento ucraino”:

  • fornitore o destinatario di servizi con un ufficio di rappresentanza in Ucraina;
  • un accordo in base al quale il fatturato delle attività virtuali viene effettuato in conformità con la legislazione ucraina;
  • l’acquirente di attività (o entrambe le controparti) è/i residente/i dell’Ucraina.

La legge introduce anche un’interessante divisione di tutti gli asset virtuali in due gruppi: garantiti e non garantiti.

Anche qui si pone il problema dell’interpretazione. La prima categoria include prodotti che possono essere scambiati con valuta (di stato), la seconda include strumenti che possono essere scambiati solo con altre risorse digitali.

Esiste anche un’opinione alternativa: che il fatturato dei beni garantiti sia garantito da beni reali (denaro o altra proprietà), mentre i beni chirografari NON sono garantiti da nulla.

L’ultima interpretazione è la più attendibile, poiché la nuova legge stabilisce che gli asset virtuali NON sono mezzi di pagamento. Inoltre, non possono essere scambiati con beni reali, siano essi proprietà, servizi o denaro. Pertanto, il potenziale per l’utilizzo di risorse virtuali è notevolmente ridotto non solo per scopi commerciali, ma anche per scopi civili.

INFORMAZIONI SULLA LICENZA OBBLIGATORIA DELLE RISORSE VIRTUALI

La nuova legge indica che in alcuni casi l’uso di risorse virtuali richiederà una licenza. Sono indicate 4 tipologie di attività:

  • archiviazione e gestione delle risorse virtuali (o delle relative chiavi)
  • mantenimento delle operazioni di scambio con asset virtuali (sia per altri analoghi che per beni reali);
  • traduzione di asset digitali;
  • eventuali servizi di intermediazione.

L’elenco è piuttosto ampio, ma ci sono importanti eccezioni:

  • se il tuo servizio funziona con portafogli non di custodia (ovvero, gli utenti possono gestire autonomamente i propri risparmi in criptovaluta);
  • se il tuo servizio funziona su smart contract o su protocollo decentralizzato in base al quale vengono eseguite traduzioni interne.

Per quanto riguarda i servizi di intermediazione, tutto è più complicato. Ogni mediazione, infatti, si basa sul collocamento pubblico dei beni. È per questo motivo che è soggetto a licenza.

COME OTTENERE UNA LICENZA PER LE RISORSE VIRTUALI?

Un’azienda che desidera impegnarsi legalmente in risorse virtuali deve soddisfare i requisiti legali.

Un ruolo chiave è svolto dall’importo minimo del capitale autorizzato, che è pari a 1,19 milioni di grivne (per i non residenti – 5,95 milioni di grivne) in caso di custodia e amministrazione. Per tutti gli altri tipi di attività (servizi di scambio, traduzione e mediazione), l’importo minimo del capitale autorizzato deve essere di 595 mila grivne (per i non residenti – 2,98 milioni di grivne).

Procedura di registrazione della licenza:

  • Fare una domanda e preparare i documenti.
  • Pagare la tassa statale (68-136 mila grivna per i residenti e 340-680 mila grivna per i non residenti).
  • Attendere l’esame della domanda (30 giorni).
  • Ottieni una licenza.

La licenza ha validità 1 anno. Al momento non sono state stabilite norme in merito all’estensione della validità legale del permesso (si attende modifiche o chiarimenti dal Ministero degli Affari Digitali).

È interessante notare che i non residenti devono pagare un importo molto più alto rispetto alle società nazionali. Il legislatore ucraino sta chiaramente stimolando il mercato interno, sbarazzandosi di una forte presenza straniera (che, in linea di principio, coincide con l’attuale politica dello Stato nel suo insieme).

Insieme alla domanda devono essere preparati i seguenti documenti:

  • codice di accesso ad una copia dell’atto costitutivo (o dell’atto costitutivo) della società, che è archiviato elettronicamente nella banca dati di EDRPOU;
  • fonti di finanziamento del capitale autorizzato (da cui sono stati prelevati i fondi);
  • conferma dell’effettivo pagamento dei fondi;
  • informazioni sui beneficiari. Particolare attenzione dovrebbe essere prestata alla loro reputazione aziendale;
  • informazioni sul direttore e sui fondatori;
  • una ricevuta per il pagamento della tassa statale;
  • atto interno della società, secondo il quale sono regolate le norme in materia di protezione dei dati personali.

In termini di quantità di documentazione necessaria, la licenza è molto simile alla registrazione completa di una persona giuridica. È ovvio che lo stato cerca una regolamentazione rigorosa delle attività delle organizzazioni che si occuperanno di risorse virtuali.

È GIÀ POSSIBILE OTTENERE UNA LICENZA?

L’adozione della legge da parte della Verkhovna Rada rappresenta un significativo passo avanti nella regolamentazione e nella creazione di un mercato legale delle risorse virtuali in Ucraina. Tuttavia, le nuove regole non sono ancora entrate in vigore: il loro periodo di introduzione dipende dalle modifiche al Codice Fiscale. Non è ancora noto quando il legislatore oserà introdurre un sistema aggiornato di tassazione per tali beni. Essendo un “hub IT” e un territorio in cui la criptovaluta è molto popolare, la questione delle tasse dovrebbe essere risolta nel modo più indolore possibile.

Nonostante la presenza di evidenti lacune interpretative, la nuova legge sugli asset virtuali fornisce almeno un quadro ufficiale di ciò che sta accadendo e di come saranno regolati i rapporti giuridici legati alla criptovaluta. Resta da sperare che in un prossimo futuro il Ministero di Statistica rilasci dettagliati chiarimenti in merito alle norme contestate.

[contact-form-7 404 "Not Found"]