COME RAGGIUNGERE LA VISITA CON IL FIGLIO DOPO IL DIVORZIO

Come ottenere incontri con un bambino dopo il divorzio

Un avvocato di famiglia nella sua pratica lavora spesso con problemi che sorgono dopo il divorzio. Uno dei più dolorosi è il problema della comunicazione con un figlio dopo il divorzio, quando uno dei genitori inizia a vivere separatamente.

A causa delle relazioni negative e spesso dell’odio totale, i genitori non solo non riescono a concordare pacificamente l’ora e il luogo dell’incontro con il bambino, ma bloccano anche i tentativi del loro ex di mettersi in contatto e negoziare. Inoltre, è spesso il genitore con cui è rimasto

bambino, esercita su di lei una pressione psicologica e mette il bambino contro l’altro genitore.

L’ingiustizia è particolarmente acuta in situazioni in cui il padre/madre paga regolarmente e coscienziosamente gli alimenti per il bambino, vuole sinceramente partecipare alla sua educazione e cerca di venire a un’intesa con l’altro genitore, il quale, a sua volta, gli impedisce deliberatamente di vedere bambino.

Ciascuna parte merita comprensione e sostegno, ma i genitori, in quanto individui maturi, devono prima di tutto pensare a quale danno irreparabile viene causato al bambino limitando la comunicazione con il padre o la madre.

Poiché in Ucraina c’è ancora una tendenza per i bambini a rimanere con le loro madri dopo il divorzio, si ritiene che siano le donne  a usare  i bambini come mezzo di vendetta nei confronti del loro ex per tutti gli insulti e le speranze ingiustificate. Tuttavia, il desiderio di manipolare i sentimenti dell’ex non dipende dal genere. Sfortunatamente, sia le donne che gli uomini ricorrono a tale crudeltà.

Il Codice della famiglia dell’Ucraina afferma chiaramente che il genitore con cui vive il bambino non ha il diritto di impedire al genitore che vive separatamente di comunicare con il bambino e di partecipare alla sua educazione, a condizione che tale comunicazione non pregiudichi il normale sviluppo della bambino.

Se non è possibile raggiungere un accordo amichevole, la legge offre due meccanismi per risolvere il problema della comunicazione e della partecipazione alla crescita di un figlio dopo il divorzio:

• attraverso l’organismo di tutela e cura

• attraverso il tribunale

Risoluzione della controversia sulla partecipazione all’educazione del bambino attraverso l’organismo di tutela e cura

Un padre o una madre possono presentare una domanda all’autorità di tutela locale per determinare le modalità di partecipazione all’educazione del bambino e alla comunicazione con lui. L’organismo di custodia e cura esamina le condizioni di vita, l’atteggiamento nei confronti del minore, l’occupazione, altre caratteristiche e decide di stabilire un programma di incontri con il minore.

È importante! Tale domanda è presentata dal genitore che vive separato dal figlio.

La decisione di stabilire un calendario delle riunioni è vincolante.

Se il genitore con cui vive il figlio non si attiene alla decisione dell’autorità tutoria, l’altro genitore ha il diritto di applicare:

• al tribunale per il risarcimento dei danni materiali e morali

• all’organismo di tutela e tutela per condurre una conversazione con l’altro genitore

• alle forze dell’ordine per portare alla responsabilità amministrativa la persona che non si attiene a tale decisione

• al tribunale per rimuovere gli ostacoli alla comunicazione con il minore

La decisione del tribunale sulla controversia relativa alla partecipazione all’educazione del bambino

Il tribunale è adito se il genitore con cui vive il bambino elude l’attuazione della decisione dell’autorità di tutela o altrimenti impedisce al genitore che vive separatamente di comunicare con il bambino e di allevarlo.

Tali ostacoli devono essere supportati da prove adeguate:

• dichiarazioni di testimoni

• ricorsi all’organismo di tutela e tutela

• ricorsi alla polizia

• corrispondenza o altra comunicazione tra genitori

Nella pratica giudiziaria, ci sono requisiti per rimuovere gli ostacoli alla comunicazione con il bambino, per determinare le modalità per partecipare all’educazione del bambino e per trasferire il bambino. Non esiste un unico algoritmo o regola. Tutto dipende dalle ragioni di un caso particolare.

Il tribunale può determinare le seguenti modalità di partecipazione di uno dei genitori all’educazione del bambino:

• incontri periodici o sistematici con eventuale visita del minore al luogo di residenza di uno dei genitori

• la possibilità di svago in comune

• visita del bambino al luogo di residenza del padre e possibilità di pernottamento senza l’accompagnamento della madre

• comunicazione telefonica ed elettronica con il bambino

Questo elenco non è esaustivo. Le modalità di partecipazione all’educazione possono essere chiaramente regolate o limitate al tempo di comunicazione con il bambino.

Nel decidere un caso del genere, il tribunale tiene conto dell’atteggiamento dei genitori nei confronti dell’adempimento dei propri doveri, tiene conto dell’attaccamento personale del bambino a ciascuno di loro, dell’età e della salute del bambino. Indubbiamente, un ruolo importante in tali casi è svolto dallo stato di salute mentale di ciascun genitore, dal fatto di abuso di bevande alcoliche o sostanze stupefacenti.

Nonostante il fatto che le discussioni sull’educazione dei figli siano dolorose per entrambi i genitori, spesso si trasformano in una vera guerra, in cui gli interessi e i desideri del bambino passano in secondo piano.

Ricorda, quando divorzi da tuo marito o tua moglie, smetti di essere un coniuge, ma rimani i genitori di un figlio congiunto.

Naturalmente, un buon avvocato ti fornirà una consulenza completa, ti aiuterà a stabilire un programma di comunicazione conveniente, a ottenere una decisione del tribunale a tuo favore e quindi il compito spetta ancora a te. Dopotutto, è tuo dovere morale e legale garantire il superiore interesse di tuo figlio.

Domande frequenti e relative risposte.

• Quanto dura il processo per l’eliminazione degli ostacoli nell’educazione di un figlio?

Di norma, la durata dell’esame di tali casi varia da alcuni mesi a diversi anni.

• Il tribunale ha consentito un incontro con il bambino alla presenza di uno psicologo. È legale?

Così. Molto spesso il tribunale prevede un incontro con il bambino alla presenza di un’altra persona: una madre/padre, un altro parente, uno psicologo o un insegnante. Questo viene fatto al fine di tutelare gli interessi del bambino, per preservare il suo benessere psicologico, a causa dell’età del bambino o della mancanza di comunicazione a lungo termine con il genitore che vive separatamente.

• Posso andare in tribunale per avere accesso ai miei nipoti?

Puoi. Una controversia relativa alla partecipazione di nonna, nonno, bisnonna, bisnonno, fratelli, sorelle, patrigno, matrigna alla crescita di un figlio può essere risolta in tribunale.

• Se, con decisione dell’autorità di tutela, non do il bambino al mio ex marito, la polizia può arrestarmi?

No, tali azioni non sono punibili con l’arresto.

Tuttavia, il mancato rispetto della decisione dell’organo di tutela e cura di determinare le modalità di partecipazione all’educazione del figlio comporta l’irrogazione della sanzione da cento a centocinquanta redditi minimi esentasse dei cittadini. Se i medesimi fatti sono commessi nuovamente entro un anno dall’irrogazione della sanzione amministrativa, ciò comporta l’irrogazione della sanzione pecuniaria da centocinquanta a trecento redditi minimi esentasse dei cittadini, limitazione temporanea del diritto di circolare all’esterno Ucraina e una restrizione sul diritto alla guida di un’auto. Le restrizioni si applicano fino alla completa attuazione della decisione.

· La procedura per garantire la partecipazione dei genitori alla crescita di un bambino è cambiata in relazione alla pandemia?

No, la normativa in materia non è cambiata.

Tuttavia, vale la pena notare che in relazione alle restrizioni sulla quarantena, è diventato più difficile qualificare le azioni dei genitori come ostacoli nella comunicazione con il bambino. Dopotutto, da un lato, tale comportamento della madre o del padre può essere spiegato da loro come requisiti per il rispetto della distanza sociale o altre misure antiepidemiche, nonché come preoccupazione per la sicurezza del bambino. Ma d’altra parte, il diritto di un padre che vive separatamente a partecipare alla crescita di un figlio non dovrebbe essere limitato a tale periodo e può essere attuato in conformità con i requisiti dell’OMS.

[contact-form-7 404 "Not Found"]