PECULIARITÀ DELLA RACCOLTA DI PRESTITI DA PARTE DI APPALTATORI INDIPENDENTI

В ІТ-галузі спеціалісти, що надають послуги, виступаючи як незалежні підрядники, нерідко зустрічаються із необхідністю залучення додаткових асигнувань. Щоб не бути сконфуженим перед необхідністю юридичного закріплення відносин позики між договірними сторонами й не потрапити у пастку нарахування додаткових податкових зобов’язань – пропонується звернути увагу на кілька моментів.

Nel settore IT, gli specialisti che forniscono servizi, agendo come appaltatori indipendenti, si trovano spesso ad affrontare la necessità di attrarre ulteriori stanziamenti. Per non lasciarsi confondere dalla necessità di consolidare giuridicamente il rapporto di finanziamento tra i contraenti e per non cadere nella trappola del calcolo di ulteriori oneri fiscali, si suggerisce di prestare attenzione su alcuni punti.

Ci concentreremo su quei momenti in cui il prestatore è un non residente e una persona giuridica registrata nella giurisdizione ucraina.

Il primo momento. La società non residente fornisce un prestito alla FOP. In tal caso, i fondi potevano essere attratti sia a condizioni fruttifere che senza interessi, ma fino a poco tempo fa l’obbligo di registrare questo tipo di contratti, complicato da un elemento estero, era previsto dalla Banca nazionale. Tuttavia, in vista della liberalizzazione della regolamentazione valutaria, è stato abrogato il decreto istitutivo, l’obbligo di registrazione dei contratti è diventato un ricordo del passato, ma ci sono alcuni dettagli che devono essere osservati.

Il mutuatario deve avere un conto aperto in valuta estera presso una banca ucraina, a cui verrà effettivamente accreditato il prestito. Il punto principale nella raccolta di un prestito di questo tipo è la conformità del costo del prestito esterno in un contratto separato alle condizioni di mercato (in particolare, l’entità del tasso di sconto nel paese-giurisdizione del non residente deve rispettare le condizioni di prestito ).

Inoltre, per effettuare tale operazione, la banca deve presentare informazioni ufficiali attestanti la conformità dell’essenza e dell’entità del prestito con la condizione finanziaria e il contenuto dell’attività della FOP e della controparte prestatrice. Inoltre, la banca non dovrebbe avere motivo di ritenere che il prestatore e il mutuatario siano parti correlate ai sensi del Codice Fiscale. Va inoltre notato che i fondi trasferiti vengono prima accreditati sul conto di distribuzione della banca e, dopo aver superato la verifica bancaria delle informazioni inviate, vengono accreditati sul conto FOP e diventano disponibili per l’uso.

Se esiste un’opzione alternativa, quando un non residente ha una società controllata registrata nella giurisdizione ucraina, vale la pena considerare il modello di attrarre fondi dalla società ucraina.

Tuttavia, se la FOP ha un conto in valuta estera aperto all’estero (nei paesi dell’UE, di norma), è possibile attrarre fondi senza la necessità di eseguire le azioni sopra descritte. Data la possibilità di utilizzare tale conto nell’area unica dei pagamenti in euro (SEPA), il processo per attirare fondi su tale conto sarà accompagnato da commissioni di input minime. Tuttavia, sarà possibile prelevare fondi in Ucraina solo attraverso banche che supportano l’IBAN europeo.

Naturalmente, se una FOP o un individuo ha un conto in una banca estera, le autorità fiscali dell’Ucraina non possono monitorare tali transazioni, ma se tali fondi andranno sul conto di un individuo in Ucraina, ciò servirà come base per il riconoscimento tale reddito con origine all’estero che, di conseguenza, comporterà il pagamento dell’imposta sul reddito delle persone fisiche e dell’imposta militare.

PECULIARITÀ DI ATTRARRE UN PRESTITO

Soffermiamoci ora più nel dettaglio sulle peculiarità dell’ottenimento di un prestito, quando il prestatore della FOP sarà una persona giuridica nella giurisdizione ucraina.

In questo caso si conclude un contratto di finanziamento, nel quale va precisato che non maturano interessi per l’utilizzo di tale finanziamento. Quindi tale prestito sarà interpretato come un aiuto finanziario rimborsabile ai sensi delle norme del Codice Fiscale.

Dal momento in cui tali fondi vengono accreditati sul conto aziendale, la FOP ha 12 mesi di calendario per restituire i fondi al prestatore. Il contratto dovrebbe anche specificare la procedura per il trasferimento e la restituzione dell’importo del prestito.

Per la rendicontazione finanziaria della FOP, è importante che l’importo del prestito ricevuto in base a tale contratto sia restituito al mutuatario esattamente entro il periodo di 12 mesi previsto dal Codice Fiscale – quindi tali fondi non saranno inclusi nel reddito del contribuente dell’imposta unica. Se l’importo dell’assistenza finanziaria non viene restituito al prestatore, sarà soggetto all’imposta sul reddito delle persone fisiche e all’imposta militare.

Il prossimo punto importante è la natura senza interessi di tale prestito. Secondo la legislazione ucraina, un “prestito” è considerato un servizio finanziario e solo le istituzioni finanziarie possono fornire servizi finanziari nel nostro paese, che molto probabilmente non sarà la società mutuataria. Pertanto, se il prestito è fruttifero, ciò può essere motivo di riconoscimento del contratto di prestito come contratto di credito finanziario e motivo di ispezione della società erogatrice da parte delle autorità di regolamentazione.

LA POSSIBILITÀ DI UN PEGNO

Vale anche la pena ricordare la possibilità di fissare un acconto nel contratto. La legislazione civile dell’Ucraina consente l’istituzione di un privilegio sulla proprietà che il mutuatario – FOP riceverà dopo l’insorgere del privilegio. In altre parole, il contratto specifica la finalità dei fondi trasferiti e stabilisce l’oggetto del pegno, ovvero l’immobile acquisito dalla FOP dopo il realizzo dei fondi ricevuti nell’ambito del contratto di mutuo.

Il rischio di un tale modello è che la FOP non utilizzerà i fondi raccolti per attività commerciali o trasferirà l’importo dei fondi ricevuti sul proprio conto personale. Tali azioni possono suscitare l’interesse delle autorità fiscali e, se è accertato che i fondi sono utilizzati per scopi non commerciali, saranno tassati dall’imposta sul reddito delle persone fisiche e dal prelievo militare.

Per evitare un tale problema, puoi trasferire fondi sul conto privato di un individuo e non sul conto della FOP. In questo caso, tale persona potrà utilizzare questi fondi per soddisfare le sue esigenze private, è possibile emettere un pegno, ma, ancora, dovresti ricordare il periodo di rimborso del prestito di 12 mesi e la natura senza interessi del contrarre.

INFINE

Sono disponibili meccanismi pratici per attrarre fondi per la diversa composizione tematica dei rapporti di prestito. In ogni caso, dovrebbe essere adottato un approccio completo alla corretta legalizzazione di tali relazioni, con il coinvolgimento di specialisti competenti che ti aiuteranno in questo.

[contact-form-7 404 "Not Found"]