RESPONSABILITÀ PER VIOLAZIONI DELLA NORMATIVA MIGRAZIONE DA PARTE DI STRANIERI

Загальне правило передбачає, що іноземці та особи без громадянства можуть перебувати на території України не більше як 90 днів у межах 180 днів або протягом терміну, дозволеного візою. За порушення іноземцями дозволеного терміну перебування передбачено такі види покарання: штраф, заборона в’їзду, примусове повернення, відмова у перетині кордону та примусове видворення, кожне з яких має свої особливості.

La norma generale prevede che gli stranieri e gli apolidi possano soggiornare nel territorio dell’Ucraina per non più di 90 giorni entro 180 giorni o durante il periodo consentito dal visto. La violazione del periodo di soggiorno consentito da parte degli stranieri è soggetta alle seguenti tipologie di sanzioni: multa, divieto d’ingresso, rimpatrio forzato, rifiuto di varcare il confine e espulsione forzata, ognuna delle quali ha le sue caratteristiche.

La sanzione più comune per la permanenza oltre il limite in Ucraina è una multa . Gli stranieri possono ricevere sanzioni anche per il soggiorno senza documenti che diano loro il diritto di vivere in Ucraina (ad esempio permessi di soggiorno temporanei o permanenti), o con documenti non validi o scaduti. Costituiscono altresì motivo di responsabilità amministrativa sotto forma di sanzione l’impiego di uno straniero senza corrispondente permesso, la mancanza di una residenza anagrafica.

Ordina una chiamata

L’entità della sanzione varia da 100 a 300 redditi minimi esentasse dei cittadini (da 1700 a 5100 UAH). Nell’imporre una sanzione si tiene conto, ad esempio, di quanti giorni lo straniero ha oltrepassato il periodo di soggiorno consentito, se in precedenza era soggetto a responsabilità amministrativa, ecc. Inoltre, il mancato pagamento della multa specificata può essere motivo di divieto di ingresso in Ucraina per un periodo di 3 anni (per il mancato rispetto della decisione delle autorità statali autorizzate a infliggere sanzioni amministrative). Con l’aiuto di un avvocato qualificato , puoi ridurre al minimo la multa o non riceverla affatto.

Ordina una chiamata

QUALI SONO GLI ELENCHI DEI MOTIVI PER VIETARE L’INGRESSO A UNO STRANIERO?

Un elenco esaustivo dei motivi per imporre un divieto d’ingresso a uno straniero è giuridicamente definito :

  • se è necessario per garantire la sicurezza nazionale dell’Ucraina o ai fini della protezione dell’ordine pubblico, della salute delle persone, della protezione dei diritti delle persone che vivono nel territorio dell’Ucraina;
  • presentazione di dati falsi da parte della persona all’ingresso, o documenti falsi, danneggiati, inappropriati o stranieri (passaporto, visto per l’Ucraina, ecc.);
  • violazione delle regole per l’attraversamento del confine al posto di blocco oltre il confine di Stato;
  • violazione di norme doganali o sanitarie;
  • mancato rispetto dei requisiti legali dei funzionari/funzionari alla frontiera;
  • inosservanza della decisione del tribunale o di altri organi autorizzati del potere statale durante un soggiorno legale in Ucraina;
  • ingresso nei territori occupati senza un permesso speciale o in violazione delle regole di tale ingresso.

In presenza di uno dei motivi di cui sopra, uno straniero o un apolide può essere punito sotto forma di divieto di ingresso in Ucraina per un periodo di 3 anni . Gli organi territoriali del Servizio statale per la migrazione, gli organi del Servizio di sicurezza dell’Ucraina o il Servizio di guardia di frontiera dello Stato ucraino possono decidere di vietare l’ingresso. È importante ricordare che copia della decisione specificata deve essere consegnata allo straniero nei confronti del quale è stata presa.

A una persona che non ha rispettato la suddetta decisione può essere vietato l’ingresso in Ucraina per un massimo di 10 anni.

A uno straniero può anche essere vietato l’ingresso in Ucraina in caso di attraversamento illegale della frontiera al di fuori dei posti di blocco. In questo caso, lo straniero è obbligato a lasciare il territorio dell’Ucraina con un ulteriore divieto di ingresso per 5 anni .

Ordina una chiamata

QUANDO VIENE PRESA LA DECISIONE SUL RIMPATRIO FORZATO DI UNO STRANIERO?

Il rimpatrio forzato è un’altra misura di responsabilità per uno straniero. La legge contiene una serie di casi in cui uno straniero può essere rimpatriato forzatamente nel paese di origine. In particolare:

1) se tale persona viola la legislazione ucraina; o

2) se le sue azioni minacciano la sicurezza nazionale o la tutela dell’ordine pubblico; o

3) allo scopo di garantire la salute delle persone e proteggere i diritti dei cittadini ucraini.

La decisione sul rimpatrio forzato, così come la decisione sul divieto di ingresso, può essere presa dagli organi territoriali del Servizio di sicurezza interna, dagli organi della SBU o dal servizio di frontiera. La decisione deve includere i motivi della sua adozione, la procedura di ricorso e il periodo durante il quale lo straniero deve lasciare l’Ucraina, che non deve superare i 30 giorni dalla data di adozione di tale decisione.

A uno straniero, nei confronti del quale è stata presa una decisione sul rimpatrio forzato, viene annullato il visto e vengono ritirati i documenti che gli danno il diritto di soggiornare legalmente in Ucraina (ad esempio un permesso di soggiorno temporaneo). Per quanto riguarda il trasgressore, si può anche decidere di vietare l’ulteriore ingresso in Ucraina per un periodo di 3 anni.

Si ricorda, tuttavia, che la contemporanea irrogazione del divieto di ingresso per 3 anni non è una sanzione obbligatoria, ma facoltativa che può essere applicata in sede di decisione sul rimpatrio forzato, se ricorrono i presupposti previsti dalla legge.

Si segnala inoltre che la decisione sul rimpatrio forzato e la decisione sul divieto di ingresso possono essere impugnate in giudizio.

Ordina una chiamata

RIFIUTO DI ATTRAVERSARE IL CONFINE UCRAINO A UNO STRANIERO

Il divieto di ingresso e di rimpatrio forzato degli stranieri non deve essere equiparato al rifiuto di attraversare il confine ucraino . La decisione di rifiutare l’ingresso in Ucraina viene presa se lo straniero non ha rispettato le condizioni per l’attraversamento del confine. La suddetta decisione viene presa al posto di blocco oltre il confine di Stato solo se sussistono giustificati motivi di rifiuto, che devono essere specificati in tale decisione. Ad esempio, uno straniero non ha un passaporto o un visto validi per entrare in Ucraina, o la persona non può confermare lo scopo del viaggio o dimostrare la disponibilità di un sostegno finanziario sufficiente per il viaggio, oppure è stata presa la decisione di vietare l’ingresso a tale una persona. La decisione sul rifiuto di attraversare la frontiera entra in vigore dal momento della sua adozione. Una persona ha il diritto di impugnare tale decisione.

Va anche aggiunto che il rifiuto di attraversare il confine è una sanzione una tantum. Ciò significa che quando uno straniero eliminerà le carenze che sono diventate la base di tale rifiuto, potrà tentare nuovamente di attraversare il confine ucraino.

Oltre alla suddetta decisione, il visto straniero per l’ingresso in Ucraina può essere revocato se sussistono motivi specifici, in particolare: la presenza di una decisione che vieti l’ingresso in Ucraina, o se vi sono buone ragioni per ritenere che tale visto fosse ottenuto illegalmente.

Ordina una chiamata

DEPORTAZIONE FORZATA DI UNO STRANIERO PER VIOLAZIONE DELLA NORMATIVA SULL’IMMIGRAZIONE

La punizione più severa per uno straniero è l’ espulsione forzata (la legislazione ucraina non usa il termine ” deportazione”) . Come nei casi precedenti, il diritto di decidere sull’espulsione forzata spetta agli organi territoriali del Servizio di sicurezza dello Stato, agli organi della SBU e al servizio di frontiera. Tuttavia, la principale differenza è che tale decisione può essere presa dalle suddette autorità statali solo sulla base della decisione del tribunale amministrativo emessa su loro richiesta. Naturalmente, la decisione del tribunale sull’espulsione forzata può essere impugnata.

I motivi per l’espulsione forzata di uno straniero o di un apolide sono:

  • se tali persone non si sono conformate alla decisione sul rimpatrio forzato entro il termine specificato senza validi motivi;
  • se vi sono fondati motivi per ritenere che lo straniero possa sottrarsi all’esecuzione della presente decisione.

È importante aggiungere che a tali persone è vietato l’ulteriore ingresso nel territorio dell’Ucraina per 5 anni.

 

[contact-form-7 404 "Not Found"]