VIOLENZA DOMESTICA: COME VERRÀ PUNITA?

Пройшло більше року з моменту набрання чинності Закону України «Про запобігання та протидію домашньому насильству». Проте, як свідчать статистичні дані, ситуація із домашнім насильством в Україні радикально не змінилася.

È trascorso più di un anno dall’entrata in vigore della legge ucraina “Sulla prevenzione e la lotta alla violenza domestica”. Tuttavia, come mostrano i dati statistici, la situazione della violenza domestica in Ucraina non è cambiata radicalmente.

Secondo il Ministero delle Politiche Sociali, il 70% delle donne ha subito violenze, il 31% delle quali negli ultimi 12 mesi. La Polizia Nazionale riferisce che il 90% delle denunce di violenza domestica proviene da donne.
Una donna su tre che si rivolge al nostro Ordine degli Avvocati per una consulenza su questioni familiari si lamenta di violenza domestica.

La maggior parte di loro non contatta la polizia. Coloro che almeno una volta si sono rivolti alle forze dell’ordine – lamentano la loro inefficienza nel risolvere situazioni simili.

Ad oggi, la nostra legislazione individua quattro misure speciali per combattere la violenza domestica, che sono mutuate dalle disposizioni della Convenzione di Istanbul sulla lotta alla violenza domestica. Norme simili si applicano in tutti i paesi europei che hanno firmato questa Convenzione.

LAVORO PREVENTIVO CON L’AUTORE DEL REATO

Una potente misura di prevenzione della violenza che in realtà non viene utilizzata. Ciò è dovuto al fatto che il Ministero degli Affari Interni dell’Ucraina non ha ancora adottato un’ordinanza speciale corrispondente che regolerebbe la procedura di contabilizzazione dei trasgressori (sebbene il relativo progetto di ordinanza sia all’esame del Ministero degli Affari Interni dell’Ucraina da quando maggio dell’anno scorso).

RIFERIMENTO DI UN TRASGRESSORE A UN PROGRAMMA PER TRASGRESSORI

Le amministrazioni statali locali e gli organi di autogoverno locale non hanno ancora sviluppato programmi adeguati basati sul programma modello esistente per i trasgressori, approvato dall’Ordine del Ministero delle Politiche Sociali dell’Ucraina. Ed è per questo che ancora non vengono sottoposti a programmi speciali volti a correggere il loro comportamento e il loro stato psicologico.

INGIUNZIONE URGENTE

Un’ordinanza restrittiva urgente viene emessa all’autore del reato da un’unità della Polizia nazionale in caso di minaccia diretta alla vita o alla salute della vittima al fine di fermare immediatamente la violenza domestica per un periodo massimo di 10 giorni. Un’ordinanza restrittiva temporanea può contenere le seguenti misure (una o tutte): l’obbligo di lasciare il luogo di residenza della vittima, il divieto di ingresso e di soggiorno nel luogo di residenza, il divieto di contattare in qualsiasi modo la vittima.

E ancora, questo strumento non funziona ancora nella pratica. Dopotutto, la scala di valutazione del rischio di violenza domestica, sulla base della quale gli agenti di polizia emetteranno ordini restrittivi urgenti, non è stata ancora approvata. Sebbene il corrispondente ordine del Ministero degli affari interni dell’Ucraina n. 654 “Sull’approvazione della procedura per l’emissione di un’ordinanza restrittiva urgente contro l’autore del reato da parte di unità autorizzate della polizia nazionale dell’Ucraina” sia già entrato in vigore e, come riportato dalla Polizia Nazionale, sono già stati stampati appositi moduli per la valutazione dei rischi.
Solo in caso di elevato livello di pericolo, la polizia può emettere un’ordinanza restrittiva urgente che obbliga l’autore del reato a lasciare il luogo di residenza, anche se tale luogo di residenza è di sua proprietà privata.

Molti studiosi e avvocati praticanti si sono opposti all’introduzione di un’ordinanza restrittiva urgente, adducendo la mancanza di un procedimento giudiziario per la sua emanazione e la violazione dei diritti di proprietà del cd “autore del reato”. Indubbiamente, un’opinione del genere ha un significato, poiché in una certa misura è in contrasto con il principio di inviolabilità del diritto alla proprietà dell’abitazione.

Alcuni esperti prevedono che le forze dell’ordine si schiereranno con la “vittima”. Cioè, senza entrare in dettaglio nei litigi familiari, potranno emettere un ordine per l’autore del reato di lasciare la residenza condivisa. Tali situazioni possono essere provocate dal familiare “vittima” e finalizzate a risolvere problemi patrimoniali o creare un’immagine negativa del “reo” in altre controversie familiari ascoltate in tribunale.

PRESCRIZIONE RESTRITTIVA

È più facile con questo. È già in vigore un provvedimento restrittivo nei confronti dell’autore del reato.

Tale prescrizione impone all’autore del reato una o più restrizioni e divieti temporanei, in particolare il divieto di soggiorno nel luogo di residenza comune con la persona lesa; avvicinarsi a una determinata distanza al luogo di residenza, studio o lavoro della vittima di violenza; divieto di ricercare personalmente e per interposta persona la persona offesa, di intrattenere corrispondenza e colloqui telefonici con essa.

A differenza di un’ordinanza restrittiva urgente, un’ordinanza restrittiva può essere emessa esclusivamente dal tribunale su richiesta della persona lesa per un periodo fino a 6 mesi. Tali domande sono esaminate in procedimenti separati entro 72 ore.

La cosa principale che deve essere dimostrata al ricorrente in tali casi è la natura sistematica della violenza e la sua separazione dal conflitto familiare. Particolare attenzione dovrebbe essere prestata alla formazione della base di prove, in particolare, prove di ricorsi alle forze dell’ordine, portando l’autore del reato alla responsabilità amministrativa per aver commesso violenza domestica, dichiarazioni di testimoni, registrazioni audio e video, ecc.

PRATICA GIUDIZIARIA

Come mostra la pratica giudiziaria, nella regione di Leopoli i tribunali di primo grado nel 2018-2019 hanno esaminato circa 40 casi relativi all’emissione di un ordine restrittivo e solo in 12 casi le richieste dei ricorrenti sono state respinte. Ciò dimostra che è del tutto possibile provare il fatto della violenza e ottenere un ordine restrittivo. È importante avvalersi del supporto legale professionale nella fase dell’esame del caso da parte del tribunale. Soprattutto, le vittime di violenza domestica hanno il diritto a ricevere assistenza legale secondaria gratuita.

Si precisa che la normativa non prevede la possibilità di annullare un provvedimento restrittivo, anche nel caso in cui una persona sia dichiarata non colpevole di aver commesso un reato o un illecito amministrativo per violenza domestica. L’unica soluzione a tale problema potrebbe essere l’annullamento della decisione del tribunale sulla base di circostanze recentemente scoperte.

Uno dei principali problemi incontrati dalla prassi nazionale nella lotta contro la violenza domestica è il ritardo nello sviluppo e nell’adozione di atti giuridici subordinati, programmi pertinenti, la natura dichiarativa dei singoli atti legislativi e lo squilibrio nella maggiore responsabilità per la commissione di violenza e la mancanza di efficaci misure preventive di prevenzione.

Inoltre, l’imperfezione degli strumenti legislativi per combattere nella pratica la violenza domestica è integrata da una professionalità insufficiente delle forze dell’ordine che non tengono conto delle specificità di situazioni specifiche e in alcuni casi ignorano le sfide giustificate e non distinguono tra conflitto familiare e domestico violenza.

Si presume che il sistema globale di lotta alla violenza potrà funzionare pienamente e ridurre realmente la percentuale di violenza domestica solo dopo l’adozione e l’attuazione dei relativi programmi di prevenzione, cioè almeno dopo due o tre anni. 

VIOLENZA DOMESTICA: COME VERRÀ PUNITA?

[contact-form-7 404 "Not Found"]