L’UCRAINA HA RATIFICATO LA CONVENZIONE MLI: PRATICHE FISCALI AGGRESSIVE PER PREPARARSI AL RITIRO

Що таке MLI і чому стільки галасу? Більшість чинних угод про уникнення подвійного оподаткування відповідають духу вільних 1980-х чи 90-х, коли банківська таємниця справді існувала, а банківські рахунки відкривали за добу.

Cos’è l’MLI e perché tutto questo trambusto? La maggior parte delle attuali DTA sono nello spirito libero degli anni ’80 o ’90, quando il segreto bancario esisteva davvero e i conti bancari potevano essere aperti dall’oggi al domani.

Ora vengono chiamati imperfetti, perché spostando i capitali le società evitano facilmente non solo la doppia imposizione, ma anche la tassazione in generale. Il risultato è il seguente: perdita annuale di tasse da parte dei paesi per un importo compreso tra 100 e 240 miliardi di dollari USA (secondo l’OCSE – Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico).

Per contrastare l’erosione della base imponibile e il ritiro degli utili dalla tassazione, l’OCSE ha sviluppato un intero sistema di misure, tra cui: neutralizzazione delle conseguenze dei sistemi fiscali ibridi; sviluppo della disciplina in materia di società estere controllate; comunicazione obbligatoria delle informazioni; impedire la concessione dei benefici previsti dalle convenzioni per evitare la doppia imposizione in circostanze inadeguate.

Una di queste misure è la creazione di uno strumento multilaterale per modificare gli accordi sulla doppia imposizione. MLI (Convenzione multilaterale da implementare) è in realtà uno strumento di questo tipo .

L’unicità di MLI è che è un’alternativa alla revisione individuale delle convenzioni, perché in modalità “manuale” è una procedura follemente lunga e complicata. La Convenzione MLI, nota anche come “Convenzione multilaterale sull’attuazione di misure relative agli accordi fiscali per combattere l’erosione della base imponibile e l’elusione degli utili”, consente la modifica quasi automatica degli accordi internazionali.

Il MLI, infatti, è la “convenzione perfetta” dal punto di vista del contrasto alle pratiche fiscali dannose. I paesi che vi hanno aderito possono apportare modifiche a tutti o ad alcuni degli accordi esistenti e contestualmente scegliere l’elenco degli articoli che vengono accettati nella versione proposta dall’OCSE.

Come funziona? Ad esempio, il 7 giugno 2017 Israele, insieme ad altri 67 paesi, ha firmato la convenzione MLI e allo stesso tempo ha pubblicato un elenco di 56 accordi che cerca di modificare con l’aiuto dell’MLI. Questo elenco include non solo i paesi che hanno già aderito alla convenzione, ma anche quelli che non hanno ancora espresso una posizione, compresi gli Stati Uniti. Quindi, anche se l’MLI di Israele entrerà in vigore il 1 gennaio 2019, i termini dell’accordo tra i due paesi non cambieranno automaticamente, almeno non fino a quando gli Stati Uniti non saranno d’accordo.

COME FUNZIONERÀ IN UCRAINA?

L’Ucraina ha aderito al Programma di cooperazione rafforzata dell’OCSE nel 2017, impegnandosi ad attuare lo standard minimo del Piano d’azione per combattere l’erosione della base imponibile e l’elusione degli utili fiscali (BEPS): Fase 5 “Migliorare le misure per combattere l’abuso fiscale”, Fase 6 “Prevenire l’abuso dei benefici forniti da accordi bilaterali”, passaggio 13 “Raccomandazioni sulla documentazione sui prezzi di trasferimento e sulla divulgazione delle informazioni per paese” e passaggio 14 “Miglioramento della procedura di mutuo accordo attraverso la risoluzione delle controversie”.

Proprio per l’attuazione delle fasi 6 e 14, l’Ucraina ha preselezionato le seguenti disposizioni della Convenzione MLI:

  • Aggiornare i preamboli delle convenzioni tributarie in termini di finalità applicative;
  • Prevenzione dell’applicazione impropria degli accordi (viene introdotta la regola dello scopo principale);
  • Proventi dalla vendita di azioni di società proprietarie di immobili;
  • Modifica delle regole in materia di riconoscimento degli uffici di rappresentanza permanente;
  • Procedura di mutuo accordo.

Attualmente, l’Ucraina ha dichiarato l’intenzione di modificare 77 accordi esistenti (in particolare, con Cipro, la Repubblica Ceca, i Paesi Bassi, la Gran Bretagna e gli Emirati Arabi Uniti). Affinché le disposizioni dell’accordo possano cambiare, anche l’altra parte deve approvare tali disposizioni. Puoi monitorare il processo di abbinamento online utilizzando la matrice: http://www.oecd.org/tax/treaties/mli-matching-database.htm .

Ad esempio, possiamo vedere come cambieranno gli accordi tra Ucraina e Cipro: entrambi i paesi hanno attualmente scelto congiuntamente di includere nella nuova versione solo la disposizione sulla “Prevenzione dell’applicazione illecita degli accordi”. Allo stesso tempo, Cipro non ha ancora ratificato la convenzione.

PER COSA PREPARARSI?

Il mondo civile è da tempo sulla strada per combattere il treaty shopping: le convenzioni vengono riformattate in modo da tutelare non dall’elusione della doppia imposizione, ma da pratiche fiscali aggressive rese possibili da punti imperfetti degli accordi.

La tendenza globale alla de-offshoreing non aggira l’Ucraina, sebbene questi processi avvengano con ritardi caratteristici. Le aziende hanno tempo per rivedere la struttura fiscale. In primo luogo, saranno a rischio gli schemi fondati sul principio dell’opportunità fiscale. Un vero business che utilizza elementi esteri per la logistica, la vicinanza al consumatore e ai mercati non subirà cambiamenti significativi.

Resta inteso che il MLI non modificherà le disposizioni degli accordi con un’onda di bacchetta magica: le disposizioni del MLI cominceranno ad applicarsi alle imposte sul reddito dei non residenti dal 1 gennaio dell’anno successivo all’anno dell’entrata in vigore del MLI per entrambi i paesi che sono parti della relativa Convenzione. Disposizioni sulle altre imposte – dopo la fine del periodo di 6 mesi calcolato dalla data di entrata in vigore del MLI per l’ultimo dei paesi che sono parti della relativa Convenzione. Per l’Ucraina la Convenzione entrerà in vigore il primo giorno del mese successivo alla fine dei tre mesi di calendario, a partire dalla data di deposito dell’Ucraina presso l’OCSE: secondo la nostra stima, sicuramente non prima dell’estate del 2019.

Tuttavia, ti consigliamo di pianificare a lungo termine: per tenere conto non solo dei cambiamenti che sono già arrivati ​​in Ucraina, ma anche di quelli in arrivo: lo scambio automatico di informazioni fiscali, l’aumento dei requisiti per le transazioni controllate e un numero di altri. Insomma, abituarsi alla nuova realtà in cui la residenza fiscale equivale alla residenza fisica.

 

[contact-form-7 404 "Not Found"]