IL CONCETTO DI PROTEZIONE TEMPORANEA E LE SUE SPECIFICITÀ

Від початку російсько-української війни український кордон перетнуло вже більше 3 мільйонів осіб, і ця цифра збільшується з кожним днем. Трохи менше, близько 2 млн. людей були вимушені внутрішньо перемістить в межах нашої країни. Усіх цих людей узагальнено називають «біженцями», що не зовсім юридично коректно.

Dall’inizio della guerra russo-ucraina, oltre 3 milioni di persone hanno già attraversato il confine ucraino e questo numero aumenta ogni giorno. Poco meno, circa 2 milioni di persone sono state costrette a trasferirsi internamente all’interno del nostro Paese. Tutte queste persone sono chiamate collettivamente “rifugiati”, il che non è del tutto legalmente corretto.

Consultazione di un avvocato

In primo luogo, va notato che “protezione temporanea” e “status di rifugiato” sono categorie giuridiche diverse, che, di conseguenza, creano conseguenze giuridiche diverse. Ci proponiamo di comprendere lo status giuridico delle persone che sono state costrette a fuggire dalla guerra.

Il principale documento che regola il tema della protezione temporanea è la Direttiva UE 2001/55/CE 2001/55/CE “relativa alle norme minime per l’erogazione della protezione temporanea in caso di afflusso massiccio di sfollati e alle misure per promuovere l’equilibrio degli sforzi tra gli Stati membri per accogliere tali persone e sopportarne le conseguenze”. La presente direttiva stabilisce norme minime per la fornitura di protezione temporanea in caso di afflusso massiccio di sfollati. Il suo compito è fornire protezione temporanea agli sfollati senza complesse procedure burocratiche al fine di alleviare la pressione sul sistema di asilo (rifugiati). L’aiuto di un avvocato in un caso del genere può essere pienamente giustificato.

La direttiva non è un nuovo atto normativo, è stata approvata nel lontano 2001, ma solo il 4 marzo 2022 il Consiglio dell’Unione Europea ha riconosciuto nella sua Decisione che l’aggressione militare non provocata e ingiustificata della Russia contro l’Ucraina è un motivo per concedere protezione temporanea alle persone che hanno subito un’aggressione militare in Ucraina, attivando così gli effetti della direttiva. Tuttavia, per dare attuazione alle disposizioni sulla concessione della protezione temporanea, gli Stati membri dell’UE devono adottare i propri atti normativi, poiché la Decisione del Consiglio dell’UE non ha efficacia diretta.

Consultazione di un avvocato

COS’È LA PROTEZIONE TEMPORANEA?

La protezione temporanea è una procedura eccezionale per concedere protezione internazionale a un gran numero di persone contemporaneamente e automaticamente (cioè senza la necessità di considerare le singole domande). Ciò significa che è possibile solo nel caso di un afflusso massiccio o di un afflusso massiccio imminente di sfollati provenienti da paesi terzi che non possono tornare nel loro paese di origine.

Ai sensi della direttiva, gli sfollati sono cittadini di paesi terzi o apolidi che hanno dovuto lasciare il loro paese e che non possono rientrare a causa di condizioni pericolose a causa della situazione esistente in quel paese, in particolare:

  • persone fuggite da aree di conflitto armato o violenza epidemica;
  • persone che corrono un grave rischio o che sono diventate vittime di violazioni sistematiche dei loro diritti umani.

In generale, questa definizione è molto simile alla definizione dello status di rifugiato ai sensi del diritto internazionale. Va notato che ricevere protezione temporanea non priva una persona del diritto di richiedere lo status di rifugiato. Cioè, una persona che ha ricevuto tale protezione può richiedere asilo in qualsiasi momento. Ma vale la pena ricordare che questi due status non possono essere concessi contemporaneamente. Se una persona ha chiesto asilo e gli è stato rifiutato questo status, può godere o continuare a godere di protezione temporanea.

Consultazione di un avvocato

La protezione temporanea consente agli sfollati di godere di diritti armonizzati in tutta l’UE. Ciò significa che gli sfollati hanno diritto al lavoro (sia diritto all’occupazione che diritto all’imprenditorialità), opportunità di istruzione e riqualificazione professionale e accesso al sistema di protezione sociale del paese ospitante, su base di parità con i cittadini di quel paese.

Tali persone hanno accesso all’alloggio, all’assistenza finanziaria necessaria e alle cure mediche (cure di emergenza e cure di emergenza), in particolare per le persone con bisogni speciali.

Per i minori che non hanno raggiunto l’età di 18 anni, gli Stati partecipanti offrono l’opportunità di essere inclusi nel processo educativo statale e ricevere istruzione insieme ai propri cittadini. Il diritto allo studio può essere concesso anche agli adulti, a discrezione del Paese ospitante.

Consultazione di un avvocato

DURATA DELLA PROTEZIONE TEMPORANEA.

Come regola generale, la durata della protezione temporanea è di un anno. Può essere automaticamente prorogato di 6 mesi per un altro anno. Se permangono i motivi per la concessione della protezione temporanea, questa può essere nuovamente prorogata per un periodo massimo di un anno. Cioè, in generale, la protezione temporanea può essere valida per un massimo di 3 anni. Pertanto, la Repubblica di Polonia ha stabilito di fornire protezione temporanea agli ucraini per 18 mesi, la Repubblica ceca – per un periodo di 1 anno dalla data della domanda, la Repubblica slovacca – fino al 31.12.2022 e l’Ungheria – fino al 01.06. 2022, e la decisione di prorogare il periodo sarà ulteriormente presa.

La protezione temporanea cessa o viene revocata al raggiungimento della sua durata massima o in qualsiasi momento in cui il Consiglio dell’UE vi concordi (ad esempio, quando vengono meno i motivi per concedere la protezione). Inoltre, la protezione temporanea cessa se una persona acquisisce lo status di rifugiato o cambia il paese di residenza.

Dopo la fine della protezione temporanea, la persona deve lasciare volontariamente il territorio del rispettivo Stato. Se ciò non avviene, nei suoi confronti può essere applicata la procedura del rimpatrio forzato nel Paese di origine.

Consultazione di un avvocato

 CHI PUÒ USUFRUIRE DI QUESTA PROTEZIONE?

La protezione temporanea si applica alle persone che sono state ricollocate dall’Ucraina a partire dal 24 febbraio 2022, vale a dire:

  • cittadini ucraini che hanno vissuto in Ucraina fino al 24 febbraio 2022;
  • apolidi e cittadini di paesi terzi che hanno utilizzato protezione internazionale in Ucraina fino al 24 febbraio 2022;
  • familiari di queste persone (uno dei coniugi o un partner non coniugato in una relazione stabile (se la legislazione pertinente del paese considera le coppie non sposate come coniugate), figli minorenni non sposati, altri parenti stretti che vivevano insieme come parte della famiglia e dipendevano sui predetti soggetti).

La fornitura di protezione temporanea può applicarsi ad altre categorie di persone. L’UE raccomanda agli Stati membri di ampliare l’elenco delle persone a cui può essere concessa protezione. In particolare, ciò può applicarsi ai cittadini di paesi terzi che possono dimostrare di aver risieduto legalmente in Ucraina fino al 24 febbraio 2022 sulla base di un permesso di soggiorno permanente in Ucraina valido o per altri motivi (ad esempio studio, cure, impiego ), e che non possono rientrare nel proprio Paese di cittadinanza. Inoltre, il Paese può fornire protezione temporanea alle persone che si trovavano nel territorio dell’Unione Europea immediatamente prima di tale data, ad esempio per motivi di lavoro o ferie, e che non possono tornare in Ucraina a causa della guerra.

Secondo la Direttiva, la protezione temporanea non è concessa a una persona che:

  • ha commesso un crimine contro la pace, un crimine di guerra o un crimine contro l’umanità;
  • ha commesso un grave reato non politico al di fuori di uno Stato membro dell’UE prima di essere ammesso in tale Stato come persona beneficiaria di protezione temporanea;
  • si è reso colpevole di azioni contrarie agli obiettivi e ai principi delle Nazioni Unite;
  • può rappresentare una minaccia per la sicurezza dello Stato membro ospitante o che è stato condannato con una sentenza definitiva per un reato particolarmente grave e costituisce un pericolo per la società.

Consultazione di un avvocato

COME OTTENERE LA PROTEZIONE TEMPORANEA?

Quando si attraversa il confine di uno Stato membro dell’UE, le autorità statali del rispettivo paese devono notificare alla persona il suo diritto a ricevere protezione temporanea. La protezione temporanea è concessa automaticamente, tuttavia, per ottenere la conferma di tale protezione, la persona deve rivolgersi all’autorità competente pertinente del paese ospitante.

I cittadini ucraini hanno diritto al soggiorno senza visto nel territorio dell’UE per non più di 90 giorni entro 180 giorni. Durante questo periodo, hanno l’opportunità di scegliere il paese in cui desiderano godere dei diritti associati alla protezione temporanea e di unirsi ai loro familiari e amici nelle importanti reti della diaspora che ora esistono in tutta l’UE. Dopo aver ricevuto protezione temporanea in un determinato Paese, una persona può godere di tutti i diritti a lui concessi nello stesso Paese.

Il processo per ottenere la protezione temporanea è abbastanza veloce e semplificato il più possibile. Ciascuno Stato membro dell’UE determina questa procedura e gli organismi ad essa autorizzati. In particolare, in Polonia, puoi rimanere legalmente per 18 mesi (fino al 24.08.2023). Se la persona intende trattenersi più a lungo, è necessario rivolgersi al voivoda nel voivodato in cui la persona risiede. Durante questi 18 mesi puoi attraversare il confine polacco-ucraino, ma lasciare la Polonia per più di un mese ti priverà del diritto a un soggiorno prolungato. Per avere accesso al lavoro e ad altri per risolvere altri problemi sociali, è necessario registrarsi in qualsiasi comune o amministrazione cittadina in Polonia. Dopo la registrazione, una persona riceve un analogo del codice di identificazione: PESEL, utile in Polonia per risolvere molti problemi, compresi quelli ufficiali.

Consultazione di un avvocato

In Germania, viene fornita un’adeguata registrazione anche dopo l’arrivo nel suo territorio. Per cominciare, devi registrare il tuo luogo di residenza nel consiglio comunale competente (anche se la persona vive in un hotel). Il passo successivo è iscriversi al servizio immigrazione per ottenere un permesso di soggiorno. Dopo questa fase, la persona riceve il diritto di risiedere in Germania e di accedere alle prestazioni sociali.

[contact-form-7 404 "Not Found"]